Benessere igrometrico e Parquet in inverno

Come ogni anno con l’approssimarsi dell’inverno il nostro parquet comincia ad adattarsi alla nuova stagione dopo un estate piuttosto calda e secca, quindi bisogna cominciare a lavarlo con un panno di microfibra morbido molto strizzato per evitare di aggiungere ulteriore umidità ambientale.

Per misurare la temperatura si usa il termometro, per l’umidità l’igrometro: questi due strumenti andrebbero usati e letti insieme per tenere sotto controllo il livello del benessere igrometrico. Quando in casa si avverte una sensazione di freddo può non essere sufficiente alzare la temperatura del termostato, perché forse la causa è un’umidità relativa troppo bassa.

Se disponete di riscaldamento a pavimento o tradizionale,  la percentuale di umidità ambientale, sia per il benessere dell’uomo e del vostro parquet deve essere compresa tra il 45% e il 55% con una temperatura intorno ai 20°C.

Raccomandiamo queste semplici accortezze per affrontare preparati la nuova stagione senza sosprese per il vostro pavimento in legno.

Il parquet attira la polvere?

Salve a tutti, oggi mi sento di sfatare quello che oramai è un vecchio, ma tuttavia sempre attuale, luogo comune, ovvero: sul parquet si deposita più polvere che su altri pavimenti?

A Questa domanda mi è capitato di rispondere con una frequenza tale da suscitare in me la voglia di scriverci un articolo, la risposta è ovviamente no, no eppoi no!

Immagino che questa risposta non sia sufficiente a convincervi perciò andrò ad argomentare più dettagliatamente.

La polvere è un fenomeno che si genera in modo completamente naturale, a prescindere dal tipo di pavimento infatti quando camminiamo, strisciamo qualcosa o addirittura  togliamo la polvere con lo straccio,  generiamo  un campo elettrico (come quello che si forma quando strofiniamo una penna di plastica su un maglione). Le particelle di polvere, elettricamente cariche, sono perciò attratte sulla superficie dalle particelle con carica opposta.

Paradossalmente la distribuzione della polvere sul pavimento e sui mobili può dipendere, tra le altre cose, anche dall’ insistenza con cui cerchiamo di rimuoverla ottenendo proprio l’ effetto contrario, per cui le superfici maggiormente sollecitate si impolvereranno prima di quelle su cui ci si accanisce di meno. La quantità di polvere su un pavimento è quindi data dalle proprietà elettrostatiche dei materiali, va da se che essendo il legno un isolante elettrico per eccellenza non potrebbe mai essere più soggetto alla formazione di polvere rispetto a qualsiasi altra pavimentazione.

Parquet in cucina e bagno

Molto spesso ci si chiede se una pavimentazione in legno sia idonea a rivestire cucine e bagni, zone nelle quali più’ si vive rispetto alle zone notte: ebbene questo articolo serve a chiarire dubbi e rispondere a queste domande.

Di sicuro queste zone sono più a contatto con eccessi di acqua ed umidità nonché a liquidi di vario genere inoltre essendo più frequentate sono sottoposte a maggior calpestio ed usura per non parlare poi quando si sta seduti a tavola.

Per queste ragioni ogni specie legnosa che viene trasformata in parquet DEVE avere qualità di durezza e stabilità maggiori rispetto al taglio di manufatti idonei per altri utilizzi, e deve inoltre essere trattata con dei prodotti idonei a finitura per la protezione  del legno oltre che  esaltare le caratteristiche tipiche di ogni specie legnosa.

Esistono nel mondo delle finiture industriali prodotti che rendono il legno idrorepellente e conferiscono al pavimento resistenza all’usura e ad attacchi di liquidi e sostanze acide che possono cadere inavvertitamente proteggendo la superficie e al tempo stesso conferendo un aspetto del tutto naturale.

Quindi in buona sostanza il parquet rende gli ambienti più caldi ed accoglienti e sono perfettamente compatibili con ogni stile e design, basta semplicemente seguire pochi accorgimenti per mantenere funzionale più a lungo le performance del vostro pavimento in parquet.

 

 

Posa in opera Parquet

Buona vita, oggi trattiamo un passaggio abbastanza delicato ovvero la Posa in opera Parquet: quali condizioni devono esserci per poter fare un lavoro a regola d’arte. Diamo per scontato che avremo un massetto idoneo alla Posa in opera Parquet, per cui le operazioni successive sono la verifica delle quote sulle varie soglie ( tutte quelle zone che vengono pavimentate con materiali diversi dal legno) tra cui quella d’ingresso, molto importante perché spesso si incomincia la Posa in opera Parquet proprio da questa zona.

Altra condizione fondamentale è un ambiente con umidità costante ovvero infissi in opera, muri rasati e stuccati con anche fissativo e prime mani di vernice……

Se abbiamo il riscaldamento a pavimento dobbiamo rifare una breve accensione di circa 5 giorni per la Posa in opera Parquet che sia a massello o prefinito.

Come vedete la Posa in opera Parquet per certi aspetti e’ abbastanza complicata per cui affidatevi sempre a mani sapienti ed esperte.

 

Forest Parquets S.r.l. Andria

Parquet-prefinito-a-spina-francese

Pulizia e manutenzione parquet e pavimenti in legno

La domanda piu’ frequente dopo aver scelto il vostro “pavimento in legno” o #parquet e’ sempre la stessa: come si pulisce? Come si fa manutenzione? Posso lavarlo e con che frequenza? Bene rispondiamo a tutto questo. Bisogna fare solo una piccola distinzione tra “parquet verniciato” e” parquet oliato“: il primo non ha bisogno di interventi particolari nell’immediato dal punto di vista della manutenzione, mentre per il secondo andra’ di tanto in tanto rinnovata la patina superficiale stendendo un prodotto di manutenzione contenente oli e cere in emulsione per favorire la protezione del #parquet. La manutenzione ordinaria di entrambi prevede  la rimozione della polvere con panni antistatici catturapolvere o scopa elettrica con frequenza giornaliera ( in funzione della stagione ) e del tipo di #parquet ( essenze chiare mascherano meglio la polvere). Il lavaggio del  #parquet invece avviene a seconda dell’esperienza personale, infatti NON e’ necessario lavarlo con cadenza giornaliera, si utilizza un panno morbido in microfibra e l’utilizzo di sapone assolutamente neutro, tralasciando i prodotti presenti negli scaffali dei supermercati in quanto gli stessi utilizzano cere brillantanti che nel tempo si stratificano lasciando zone piu’ lucide (meno calpestate) e zone opache (con piu’ passaggio) quindi per ovviare a questo inconveniente (lucentezza /opacità )bisogna decerare il “pavimento in legno “con un intervento professionale. Altro cruccio e’ la quantità di acqua da utilizzare: il legno e’ una materia naturale sempre viva per cui ha bisogno di piu’ acqua nella stagione secca e meno in quella invernale infatti a tal proposito sarebbe cosa giusta avere in casa uno strumento per rilevare l’umidità ambientale e regolarla di conseguenza.

Prodotti Manutenzione 1 Prodotti Manutenzione 2

Pavimenti in Resina Andria

Vogliamo rappresentare il Green Life, la nuova filosofia a basso impatto ambientale per la salute e il benessere delle persone. Pensiamo e realizziamo materiali, sistemi e resine a base acqua per superfici continue e soluzioni innovative orientate all’ambiente e al miglioramento della salute e della qualità della vita attraverso sistemi e materiali eco-compatibili per prevenire le principali patologie derivanti dall’inquinamento indoor e outdoor. La nostra visione è rappresentare il Costruire e il vivere Green come nuova filosofia per sistemi di rivestimento e materiali con altissime prestazioni, ma basso impatto ambientale, promuovere una migliore qualità dell’abitare e aiutare le persone a vivere meglio.

Mettere al centro la qualità eco-sostenibile della CASA in rapporto alla salute dei suoi abitanti: questa è la filosofia alla base del progetto qualità dell’aria indoor, elevati standard energetici ambientali degli edifici, ambienti sani e in equilibrio con la natura sono le colonne portanti del nostro benessere abitativo. Si rispetta l’ambiente perché si riduce l’uso di risorse naturali e l’impatto sull’ambiente, non si utilizzano solventi, cementi e resine epossidiche, si riutilizza inerti e minerali di riciclo certificato offrendo un contesto più salubre, si rappresenta la soluzione più conveniente anche dal punto di vista economico. Questo modo di rivestire garantisce una vita più sana, oltre a una maggior qualità ed efficienza.

Vernice antibatterica

Desideri camminare a piedi nudi sul tuo parquet?

Ora puoi farlo in tutta tranquillità grazie a Crystalcare, la finitura antibatterica sviluppata da Listone Giordano e ICRO. Un semplice additivo che aggiunto alle finiture Xplus2, Naturplus2, Invisibile Touch, e Oleonature garantisce una certificazione antibatterica rilasciata dai laboratori CATAS S.p.a secondo la norma ISO 22196:2007. Il benessere della persona, la salute dei tuoi bambini e la sicurezza degli spazi in cui vivono e giocano sono il focus della straordinaria innovazione di Crystalcare; Sviluppata anche per l’impiego dei pavimenti in legno in ambito medico e sanitario.

 

 

Benvenuti sul Blog di Forest Parquets

Siamo online con il nostro Blog Ristrutturazioni edili ad AndriaForest Parquets dedicato ai nostri clienti fedeli e a tutti coloro che navigando entreranno in contatto con noi.

Aprire un blog interamente dedicato alla nostra azienda, rappresenta l’inizio di una nuova avventura, nella quale mettere a disposizione tutte le nostre conoscenze ma soprattutto ci offre l’opportunità di raggiungere chi non ci conosce, chi può trovare nella nostra realtà un interessante novità da scoprire.

Il nostro obiettivo è quello di raccontare il meglio della nostra azienda, offrire maggiori informazioni sui nostri servizi e rispondere ai commenti e alle richieste degli utenti web. Non esitate quindi a contattarci o richiedere approfondimenti, cercheremo di soddisfare al meglio e in tempi brevi le vostre richieste.

Scorrendo fra le pagine del nostro sito, troverete informazioni utili sulla nostra attività, le immagini della nostra location e gli indirizzi utili per raggiungerci via email, telefono o in sede.

Tutto lo staff di Forest Parquets vi augura quindi una buona lettura